Megalochori
A tavola!

γάτες - gatti greci

Ebbene sì! Abbiamo appurato che il gatto è stato introdotto anche nelle Cicladi!

Eccone alcuni esemplari di Folegandros (shhh... sembra che l'ambiente silenzioso e rilassato li abbia condizionati predisponendoli particolarmente al riposo...):

image from farm7.static.flickr.com
image from farm7.static.flickr.com
image from farm7.static.flickr.com
Anche a Santorini ne abbiamo rilevato le presenza un po' ovunque. Questo di Oia se ne stava molto lontano dal trambusto occasionato dal tramonto... tanto è sempre la stessa cosa, dice.

image from farm7.static.flickr.com
Anche a Fira non amano le viuzze affollate:

image from farm7.static.flickr.com

Ed è nei paesini più tranquilli che possono dedicarsi in santa pace alla loro professione di "servizio gatto" (anche se sembra che da queste parti i contratti prevedano la clausola "tu non dare fastidio a me che io non ne do a te")

Ecco i gatti di imerovigli:

image from farm7.static.flickr.com
image from farm7.static.flickr.com
image from farm7.static.flickr.com

image from farm7.static.flickr.com
Un esemplare di Thirassia (credo che il suo compito sia di controllare il carico di pesce destinato all'isola):

image from farm7.static.flickr.com

Quello di Kamari (particolarmente adattatosi all'habitat "terrazza di ristorante"):

image from farm7.static.flickr.com

E infine la micia di Perissa, che, apprezzando in particolar modo il tonno ha confermato che l'habitat insulare non ha avuto influssi di sorta sui gusti felini

image from farm7.static.flickr.com
Dopo attento studio possiamo dunque confermare la nota teoria non-evolutiva secondo la quale nei millenni il gatto non si sarebbe modificato, avendo già raggiunto lo stadio di perfezione e soprattutto dedurre -caro ziggy- che quella protuberanza sotto la pancia NON è un cambiamento evolutivo dovuto alla selezione naturale!

Comments