Previous month:
December 2010
Next month:
February 2011

January 2011

Ziggy!

E' arrivato il momento di presentare Ziggy come si deve! 

Questa simpatica palla di pelliccia è rotolata da noi ormai da qualche giorno e sembra si stia abituando bene alla nuova situazione.

Ha dimostrato subito di avere un carattere molto socievole, anzi, sembra non poter proprio prescindere dalla presenza umana: quando siamo in casa si tranquillizza col contatto fisico, ronfa in continuazione e cerca sempre di saltare sulle gambe e leccare la mano in segno di affetto. 

E' con una certa delusione che accetta di dover cedere -come adesso- il passo al mac sulle mie ginocchia. (De toutes façons è qui appiccicato alla mia gamba e si è già appisolato)

Ziggy è un gatto soriano di piccola taglia, ma si vede che ha già la tendenza a "mettere su" peso superfluo. In realtà non è un mangione e sembra essere più attirato da quello che abbiamo nei nostri piatti che dal suo cogomino delle crocche. Ma non si transige! (ehm.. vabbè, quasi)

La sua pelliccia è morbidissima e molto lucida, accarezzarlo è un piacere (per l'oggetto e per il soggetto), le sue unghie sono incredibilmente affilate, ma ieri si è lasciato fare senza alcun problema un'accurata manucure.

Ha già scelto alcuni dei suoi posticini privilegiati: dopo un po' di tentennamenti, sul letto ha preso il posto che già era della mitzi, in fondo ai miei piedi (ma durante la notte ha la tendenza a salire al mio fianco) e di giorno apprezza decisamente il divano, anche se  gli altri due pouf a disposizione sono degli ottimi diversivi.

Ecco le foto.... 

ziggy1
ziggy2
ziggy3
ziggy4
ziggy5
ziggy6

.....è o non è un gatto meraviglioso???

Ah, mi ha detto che ha intenzione di proseguire il blog della mitzi, mi ha già chiesto a questo proposito la password del mac....... vediamo adesso che si può fare....


Les Saintes-Maries-de-la-Mer

Capitale della Camargue, accoglie in sé le tradizioni dei gardians delle mandrie, dei gitani e dei pescatori. Terra di pellegrinaggi, di soggiorno balneare e di agriturismo è il centro di questa regione dall'ecosistema eccezionale.

saintes-maries-de-la mer

il porto
la spiaggia
flamenco
terrine de taureau
sale e riso della camargue
Questo luogo leggendario avrebbe accolto agli albori dell'era cristiana Maria Giacoma, Maria Salomé e la loro serva Sara. In seguito alle persecuzioni in Palestina esse furono infatti arrestate e abbandonate su una barca senza vela né remi e guidate dalla Provvidenza arrivarono sulle rive della Provenza, accompagnate da Lazzaro, Maria Maddalena e Marta. Dal XII secolo Les Saintes Maries sono un luogo di pellegrinaggio; le reliquie delle Sante, scoperte nel 1448 sono venerate in due occasioni particolari: il 24 e 25 maggio e la domenica più vicina al 22 ottobre. 

Costruita vicino alla foce del Petit-Rhône la chiesa delle Saintes Maries de la Mer aveva una posizione strategica importante, in quanto al momento della sua edificazione dal IX al XII secolo i pirati imperversavano sulle coste e ci si doveva difendere dalle loro invasioni. 

église Saintes Maries de la mer
abside

chiesa fortezza 
panorama

La chiesa-fortezza domina il villaggio ed è visibile da 10 km di distanza. Formata da un'unica navata senza ornamenti alta 15 metri, il tetto era circondato da un camminamento di ronda e servito da una torre di guardia. Serviva da rifugio per la popolazione e vi si trova persino un pozzo di acqua dolce.

Nella cripta si trova la statua di Sara, elemento essenziale del patrimonio dei gitani. Rom, Tzigani e Gitani arrivano qui da tutto il mondo per venerare la loro Santa, Sara la Nera. Il 24 maggio la statua è portata dai gitani fino al mare a testimoniare l'attesa da parte sua delle Sante Marie. La processione torna quindi alla chiesa accompagnata dai canti, dalle acclamazioni e dalla musica della festa. 

ingresso della cripta navata

le due marie ex voto

 

 

 

 

 

 

 

sana sara

per nonna paola

La Camargue è un'isola di 85000 ettari compresa tra i rami del Rodano, formata dalla sabbia, dai sassi e dal limo portati dai torrenti. Una strana fusione di terra, fiume e  mare che ospita specie selvatiche eccezionali, tra le quali il cavallo, il toro e il fenicottero rosa sono le più rappresentative.

Eccone alcuni esemplari sull'Etang de Vaccarès  e nei terreni paludosi dei dintorni:

étang de vaccarès
flamands roses
flamingo al tramonto
fenicotteri

Il cavallo della Camargue, dal crine bruno alla nascita, acquisisce i suo vello bianco verso i 5 anni di età. Il toro dal tipico manto nero è qui presente fin dall'antichità più remota.  

cavallo bianco della camargue

toro della camargue

Gli uccelli sono senza dubbio gli animali più facili da osservare in Camargue. Il fenicottero rosa ha fatto del delta del fiume il suo unico luogo di riproduzione in Europa.

étang de vaccarès

étang de vaccarès

étang de vaccarès

scintille
rosa
tramonto
tramonto
tramonto rosa
cielo di fuoco

Altre foto qui:


Sapins de Noël à St-Jean-Cap-Ferrat

Si è concluso ieri il concorso per l'albero di natale più bello tra quelli allestiti a  St-Jean-Cap-Ferrat dai commercianti del centro. 

Non so quale abbia vinto ma ce n'era davvero di originali e divertenti:

ramo di natale
albero dei ricordi

coquillages
cannucce
tavola in festa
bacche

nastri
collane di feltro

Alberi decorati con cannucce, conchiglie, frammenti di pellicole e poesie..... ognuno di essi sembrava un piccolo scrigno di ricordi, desideri e aspirazioni.

E, a proposito di desideri, io avrei fatto vincere questo:

estate
(quando torna l'estate?)


Ziggy in Nice

Chi ci ha portato ziggy oggi non aveva affatto l'aspetto di una befana, e nemmeno dei re magi: anche se erano in tre dubito che abbiano fatto il viaggio a bordo di dromedari o elefanti.... 

image from farm6.static.flickr.com
Ziggy è ancora un po' spaesato, ma credo che stia già superando lo shock del lungo viaggio e dell'ambente sconosciuto.

Eccolo mentre esce dal nascondiglio in cui si era rifugiato appena sbarcato nella maison antomarco.

image from farm6.static.flickr.com
In fondo sono bastate solo un paio di crocche, qualche coccola e... il fatto di trovare finalmente la lettiera! (certi sollievi non hanno prezzo!)

image from farm6.static.flickr.com
image from farm6.static.flickr.com
Coraggio Ziggy, andrà tutto bene!

 


Drôles de Noëls

A Natale ad Arles succedono cose incredibili...

Devono esserne successe davvero tante durante il festival delle arti di strada "Drôles de Noëls" che ha luogo tutti gli anni in dicembre, ma un po' di quegli incantesimi sono rimasti  ad illuminare l'inizio del nuovo anno. 

Ecco cosa è successo all'hôtel de ville, posseduto da una scintilla di magia venuta da molto lontano....

hôtel de ville
hôtel de ville incantato
Un'esplosione lontana (avvenuta forse in egitto, chissà... 4000 anni fa) libera un frammento di energia, un piccolo globo di luce che comincia il suo viaggio finché si trova a scendere lungo il Rodano ed arriva in città.

obelisco infuocato
fiamme
...entra nel cuore del palazzo della mairie, e lo trasforma in un grande pacco regalo, pieno di sorprese, di giochi, di fiabe e di amore 

magia
lungo il rodano
arles

place de la république

magia all'hôtel de ville
pacco regalo
pieno di sorprese

casa di bambola
cielo stellato
fuochi d'artificio