Previous month:
September 2010
Next month:
November 2010

October 2010

Vide-grenier à St-Jean-Cap-Ferrat

Non so bene spiegarmi perché questo genere di mercatini abbia un tale fascino su di me.

Forse perché ciò che vi è esposto e venduto rappresenta una sorta di memoria tangibile di chi l'ha posseduto; forse perché amo l'idea che ci sia qualcuno che ha conservato per tanti anni degli oggetti apparentemente inutili e senza valore; forse proprio perchè il loro valore non è oggettivo ma legato al ricordo e all'affetto dei loro proprietari.

Passeggiando tra le bancarelle mi veniva spontaneo chiedermi chi avrebbe mai potuto comperare un vecchio vestito, un giocattolo rovinato, un elettrodomestico ormai superato, tanto più che la cosa mi sembrava implicasse una sorta di violazione di uno spazio altrui.

Niente acquisti, però qualche foto l'ho presa, tra gli espositori stupiti che me ne domandavano ragione.

Chissà quali storie avrebbero da raccontare queste cose che cercano disperatamente di cominciare una nuova vita.

image from www.flickr.com                          piedini
                        
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com                          tempo

image from www.flickr.com
  

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com


 


La Chapelle Saint-Hospice

La Chapelle Saint-Hospice si trova sopra St-Jean-Cap-Ferrat in una posizione privilegiata: da lì si poteva infati controllare tutta la costa da Nizza a Monte Carlo. Fu costruita nell'XI secolo sulle rovine della torre che aveva ospitato l'eremita Hospice. Costui si narra sia stato salvato per intervento divino dal colpo di scimitarra di un Longobardo che stava per decapitarlo.


image from www.flickr.com


image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

Vicino alla cappella si erge una gigantesca statua in bronzo di 11 metri di altezza rappresentante la Vergine col bambino. Fu un ricco industriale di Nizza, Auguste Gal, a volerne la costruzione, nel 1903.

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com



Il mare d'ottobre

E' un mare mosso. Attorno a Cap Ferrat è grosso e rumoroso.

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

Ma anche dove c'è burrasca può sempre aprirsi una baia tranquilla. Ecco la nostra:


image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

Nonostante le aspettative l'acqua era ancora caldissima e il sole più basso sull'orizzonte è durato pure più a lungo del solito.

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

Bella questa estate che non vuole finire.


Una sera a St-Paul

Ci eravamo stati in febbraio e avevamo percepito subito che l'atmosfera era di quelle che prima o poi ti fanno ritornare. L'occasione è arrivata questa sera, in seguito all'invito per l'inaugurazione di una mostra fotografica.

Passeggiare per St-Paul nella luce della sera riserva sempre delle belle sorprese.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
e ti fa incontrare anche qualche vecchia conoscenza...

image from www.flickr.com

 

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com