Previous month:
September 2008
Next month:
November 2008

October 2008

Vicky Cristina Barcelona

Un film di Woody Allen
 
Una storia di equilibri
quello tra Vicky e Cristina unite dalla loro diversità emotiva; quello tra la paura e la conquista che spinge Vicky verso Doug; e quello che lega Cristina, Juan Antonio e Maria Elena in un amore che vive solo bilanciando gli eccessi e le mancanze di ognuno dei tre.
Calamite che si attraggono e si respingono, forze uguali ed opposte che limitano reciprocamente il proprio raggio d'azione.
 
Una storia di equilibrismi d'amore
Una storia in cui è difficile distinguere il vero protagonista
Forse la stessa Barcellona, con la sua arte, la sua luce, la sua musica
oppure la voce narrante
entrambe intente a fare della vicenda una questione conclusa, nel tempo e nello spazio.
 
Magistralmente intensa l'interpretazione di Penelope Cruz, lievemente poetica quella di Scarlett Johansson.
 

 


Cristina continuò la ricerca, sicura solo di ciò che non voleva

 


Malcesine

Sulla sponda veronese del lago di Garda, attorno al Castello Scaligero che dalla sommità di un colle si spinge verso il lago, sorge Malcesine.

 

Il paesino offre davvero degli scorci pittoreschi, a partire dal piccolo porto

 

dove abbiamo trovato ormeggiato questo insolito veliero

 

aperitivopiazzettapassaggio
ma soprattutto nelle srtette e viuzze che dal lago salgono verso il castello; qui l'atmosfera si fa davvero suggestiva: strade e piazzette sono animate da ristorantini e locali che fanno quasi pensare all'aria che si respira nelle isole greche. Un senso di benessere pervade l'ambiente, nel quale risuonano solo le note dei caffè e le chiacchiere sommesse dei turisti, ancora piuttosto presenti, vista la domenica di sole, nonostante la stagione volga ormai la termine

 

dal castelloveri o falsi?di tutto un po'
Il castello oltre a narrare la storia della dominazione prima scaligera, quindi viscontea, poi veneziana, infine francese e austriaca di questo lembo di lago, è anche sede di un museo delle attivtà della pesca e delle attività del lago.

 

 

l'atmosfera mediterranea fa quasi dimenticare che ci troviamo alle pendici delle prealpi trentine
ma il sole autunnale che completa il suo percorso ormai basso sull'orizzonte ci riporta presto alle nostre latitudini e ai nostri pensieri
color pastello

 

 


Mille splendidi voli

Anche dal monte Baldo c'era chi si tuffava in volo.... affascinante vedere questi uomini volanti lanciarsi verso il lago di Garda da 1800 metri di quota!!!!

 

Sulla piana che si apre in vetta erano numerosissimi ad aspettare  le condizioni di vento propizie per una planata degna dei volatili più arditi!

 

Deve avere qualcosa di magico il momento in cui la terra viene a mancare da sotto i piedi e sotto di sé ad un tratto c'è solo il vuoto...

E immagino grandiosa l'emozione del volo, nascendo dal brivido dell'ignoto, dall'incertezza della meta e dall'ebbrezza del lasciarsi trasportare senza avere più appigli.

Di qualunque genere di volo si tratti

 

 


Monte Baldo - la funivia di Malcesine

Domenica finalmente l'occasione e le condizioni meteorologiche sono state propizie per una gita programmata da tempo. Non proprio limpidissimo il cielo, ma sufficientemente sereno e tiepido il clima, in modo da permetterci di conquistare la vetta del Monte Baldo, questa splendida catena montuosa che costeggia tutta la sponda orientale del Garda, separandolo dalla valle dell'Adige.
A dire il vero la conquista è stata piuttosto agevole, grazie alla splendida nuova funivia, (inaugurata nel 2003) che collega i 100 metri sul livello del mare di Malcesine ai 1760 della stazione di arrivo. Separata in due tronconi, il primo servito da due diverse linee di cabine più piccole, il secondo da una più grande che ha la particolarità di essere l'unica cabina rotante in tutta Italia. Il panorama di cui si può godere durante la salita dalle moderne cabine vetrate è davvero mozzafiato. Queste percorrono il primo tratto all'incredibile velocità di 10 m/sec, mentre quella che copre la seconda tratta compie un giro completo su se stessa durante la risalita, offrendo un panorama a 360° sul lago e sui monti.

 

Ecco una delle navicelle: moderne, panoramiche e... dotate di colonna sonora radiofonica (chissà perché tutte sintonizzate d'ufficio sulle medesime frequenze) 

 

Arrivati sulla cima lo spettacolo è di rara bellezza...

 

arrivo funiviavista lagoterrazza
Numerosi i sentieri che si dipartono verso sud, a nord verso il monte Altissimo e che scendono verso est (a ovest no, c'è il lago, bisognerebbe avere la ali...) e che danno la possibilità di compiere camminate di varia durata e intensità

 

Suggestiva la passeggiata sulla cresta che collega la stazione della funivia all'estremità nord della catena: camminando sul crinale si arriva ad un punto panoramico che si affaccia sul Garda trentino e sulla conca del basso Sarca

 

carezzealto gardameditazione bovina
Questa la vista su Riva del Garda: dietro la cresta del monte Brione che la separa da Torbole si intravede Arco con la rocca
limone dal baldobaldo giovinebald-anzosi
Una lieve foschia sale ad accarezzare le cime che si rincorrono ad ovest, in terra lombarda

 

catene monte baldonel cielo
e i colori dell'autunno accompagnano la nostra discesa
verso il lago

 

 

 

 


complicated

 

I wish I could change
I wish I could change

 

I wish I could stop
Sayin the same old things
I wish I could be
Who u want me 2 be
I wish I could stop
Being the same old me
I wish I could lose
All of my blues
I wish I could stop
Puttin my blues on u
I wish I could love
Like nobody loves
I wish that my goods
Outweighed my bads enough

There's no way There's no way There's no way
I can get back that girl
Cause I'm 2 complicated
And she's not complicated
But I'm 2 complicated

I wish I could change
I wish I could change
I wish I could stop
Placin the blame
I cant stop it
I cant break down
I cant drop it cant see how
I wish I could lose
All of my blues
I wish I could stop
Puttin my blues on u
I wish I could love
I wish that my goods
Outweighed my bads enough