Previous month:
August 2007
Next month:
October 2007

September 2007

dono

Elisa

In the other room, in the other room,
I'm the other girl, I'm another one of your children
It's this other face, this other name, I'm the other girl, want to be in the other room.

Your gift receiving through this body of mine, is alive so alive
Your gift receiving through this body of mine, is alive so alive.

I am bleeding joy, still peaceful,
I am waiting for patience
I live something beautiful, just thinking not too fast,
I'm still here, want to be in the other room,
when you're calling me, when you're calling me.
Your gift receiving through this body of mine, is alive so alive
Your gift receiving through this body of mine, is alive so alive.

My secrets are now things I can touch,
this is complicity I'm going into embrace
this man with no face...just fly.

Your gift receiving through this body of mine, is alive so alive
Your gift receiving through this body of mine, is alive so alive.
Your gift...is givin'...as receiving, is receiving...

 

 


L'albero della musica

serenata in bianco e nero 
tra i tasti del pianoforte
che confondono l'assenza e la totalità
di colore
creando la melodia in cui ogni tonalità
prende forma e sostanza e corpo e anima

la luce e l'ombra
si uniscono
nell'arcobaleno della musica


al lavoro!

Finalmente la settimana prossima riprendo a lavorare!!!!
Con un po' di ritardo rispetto ai programmi, a causa del protrarsi dei lavori nella sala corsi gestita dalla nuova associazione, ma sembra proprio che ora si cominci!
Mi occuperò come l'anno scorso di corsi di step, tonificazione, gag e pilates. Da quest'anno mi dedicherò anche all'acquagym, insomma dovrei essere abbastanza impegnata, ma non preoccupatevi, non abbandonerò la mia guardiola!!!
Colgo l'occasione per ricordare a voi tutti che un po' di sana attività fisica migliora la qualità della vita, rinforza la nostra struttura muscolo-scheletrica, allena il nostro cuore rendendoci più resistenti alla fatica, migliora l'umore e dà gioia di vivere... se già non l'avete fatto, vi consiglio caldamente di recarvi alla palestra più vicina e di iscrivervi a qualche corso, mi ringrazierete!!!
Vi mostro qui sotto qualche foto che mi ritrae, durante delle esibizioni di qualche anno fa e a natale scorso, nei panni di babba natala...
Buon movimento a voi tutti!!!
 

esibizione liberty danceaerodancecarnevalecasinò arco

 

 


let's go straight to...

E per farlo, appunto oggi, nella mia gita fuori porta, mi sono recata nel garda meridionale, in quel di Desenzano e di Sirmione.
Appurato che in quelle ridenti zone, il segnale della numberOne ha effettivamente una copertura capillare e che meritatamente la medesima risulta essere ascoltata in numerosi bar della zona, ho anche avuto modo di ammirare il versante sud del Baldo, dal quale in quei luoghi viene irradiato il dolce suono:




Per questo motivo, presumibilmente, all'amato monte la città di Sirmione ha addirittura dedicato una piazza

Quindi, ispirata dalla soave melodia, mi sono dedicata alla mia attività preferita: catturare qualche immagine con la mia scatola magica, che con piacere condivido con voi

T
Desenzano portoFeritoiaDesenzano
PratiRetiPorto desenzano
 
TorreToscolanoToscolano maderno
ll ritorno verso casa ha inevitabilmente portato con sè la scomparsa definitiva dell'agognato segnale


Mi accompagna un ultimo momento di poesia, incisa e scolpita nella pietra

prima di essere portata a casa dalle luci di un dolcissimo imbrunire


la danza della cicala

E' vero, le cicale più che altro cantano, ma a volte anche ballano.
Spesso per la gioia, ma a volte anche per la disperazione.

e disegnano il loro strazio nello spazio col moto del corpo nel vuoto
e dopo averlo così  liberato
lo guardano e sorridono
perché il peggio è passato

Qui di seguito due immagini tratte dagli spettacoli di danza contemporanea cui ho assistio nei giorni scorsi, nell'ambito della rassegna roveretana di cui vi ho già parlato. Il primo è Arresi alla notte della compagnia di Simona Bucci. Personalmente non l'ho amato molto, trovandolo troppo oscuro nel tema, accompaganto da una musica di difficile lettura e nell'insieme da un'atmosfera un po' angosciante.
Tuttavia vi sono stati dei momenti suggestivi e poetici di incontro di luce e corpi, come nell'immagine che segue.


La seconda è tratta dallo spettacolo Les feuilles qui résistent au vent, della compagnia di Koffi Koko, un artista del Benin. Vi ho assistito ieri sera presso il teatro sociale di Trento ed è stato davvero emozionante. Meravigliosa nella sua semplicità la scenografia: un tappeto di sabbia bianca su cui si stagliavano le ombre dei ballerini e su cui rimanevano impresse come crateri, come dossi e come scie le tracce del loro passaggio. Unici altri elementi delle pertiche, sulle e grazie alle quali i danzatori eseguivano le loro evoluzioni, a volte anche piuttosto acrobatiche.
Coinvolgente la musica, eseguita dal vivo con strumenti tradizionali, scanditi da percussioni ora dolcemente ritmate, ora incalzanti.
Grandiosi gli interpreti, capaci di trasmettere coi movimenti del loro corpo  tutta la forza e la passione che abita nell'uomo.



Assistere ad una rappresentazione dal vivo, di qualunque genere essa sia, è davvero sempre un'esperienza unica, che ti mette in contatto direttamente con l'anima dell'artista di cui è espressione.
L'aria che circonda i cuori di chi si trova unito in quell'unico spazio si fa più sottile e la membrana che divide i loro corpi lascia passare un po' della magia dell'altro in ciascuno di noi.